Hostaria Del Mercato Vecchio » Leggi : Piantaggine, la salute in cucina.
 
Premessa


 
Cerca

Ricerca parole o frasi all'interno del sito.
 
Approfondimento


 
Statistiche

Visite: 1208617




Mappamondo ultime visite

Piantaggine, la salute in cucina.

Cibo_genuino.png

uploaded_image


La piantaggine è un altro stupendo dono che la natura ha fatto all’uomo e di cui pochissime persone oggi giorno conoscono le numerosissime proprietà officinali. Al pari del tarassaco, dell’ortica e di molte altre piante erbacee che crescono spontanee un po’ in tutta Italia, viene solitamente considerata una semplice e inutile erbaccia infestante, da sradicare ed estirpare quanto prima dal proprio campo, o giardino.


In pochi infatti conoscono le sue applicazioni in campo erboristico. La piantaggine è di fatto una delle migliori alleate dell’uomo in caso di ferite, irritazioni cutanee, punture d’insetto e un valido aiuto per una lunga sequela di patologie dell’apparato respiratorio (tosse, catarro, bronchite cronica, sinusite, ecc..). Inoltre la piantaggine è commestibile e può essere usata cruda da sola, o per comporre insalate in abbinamento con altre erbe, oppure cotta, come la cicoria, o gli spinaci, o per la preparazione di piatti sfiziosi, come vellutate o risotti.


uploaded_image


Piantaggine: breve descrizione.
La piantaggine (Plantago Lanceolata) è un pianta erbacea perenne della famiglia delle Plantaginaceae molto comune in tutta Europa e nel Nord Africa. Cresce praticamente ovunque tra prati, campi, colline e perfino nelle fessure in mezzo ai marciapiedi. Si presenta senza fusto, con le foglie disposte a rosetta, lunghe, diritte, lanceolate (da cui il nome Lanceolata, cioè a forma ellittica ed estremità appuntita proprio come una lancia) e munite di un breve picciolo. Si distingue facilmente dalle altre piante, dato che le foglie sono percorse da cinque nervature ben marcate. Da maggio a settembre la piantaggine fiorisce con scapi fiorali alti fino a 60 centimetri che terminano in spighe cilindriche singole costituite dalle caratteristiche infiorescenze marroncine, tutt’altro che appariscenti. Il nome “piantaggine” deriva dal termine latino Planta per la forma delle foglie che ricordano la pianta del piede, ma anche per l’uso che ne facevano i viandanti. Questi avevano l’abitudine di applicare le foglie fresche direttamente sulla cute lesionata dal cammino oppure la utilizzavano anche come antidoto contro i morsi di serpenti e scorpioni.


uploaded_image


Proprietà e applicazioni.
Esistono oltre 16 varietà di piantaggine nel Mondo, tutte hanno grosso modo le stesse proprietà, ma quelle che vengono comunemente utilizzate a scopo officinale sono la piantaggine lanceolata (Plantago Lanceolata) e la piantaggine maggiore (Plantago Major). La piantaggine veniva già apprezzata sin dai tempi antichi. Plinio Il Vecchio riporta la sua efficacia terapeutica in caso di forte tosse e brividi. Nel Medio Evo veniva utilizzata per curare ustioni, ulcere, infiammazioni oculari, nasali e morsi di cane. Kneipp la utilizzò per fermare le emorragie e curare le ferite. Tra gli specialisti in campo medico ed erboristico non si può non citare Maria Treben, ben conosciuta in Austria e Germania per aver guarito moltissimi malati, esclusivamente con l’uso di piante officinali e rimedi naturali. Nel suo libro La salute dalla farmacia del Signore tra le varie erbe cita anche la piantaggine, che tiene in altissima considerazione per la cura delle malattie che colpiscono le vie respiratorie, come cicatrizzante, per aiutare i bambini malaticci e sempre magri e per moltissimi altri disturbi.


uploaded_image


Proprietà e applicazioni.
Esistono oltre 16 varietà di piantaggine nel Mondo, tutte hanno grosso modo le stesse proprietà, ma quelle che vengono comunemente utilizzate a scopo officinale sono la piantaggine lanceolata (Plantago Lanceolata) e la piantaggine maggiore (Plantago Major). La piantaggine veniva già apprezzata sin dai tempi antichi. Plinio Il Vecchio riporta la sua efficacia terapeutica in caso di forte tosse e brividi. Nel Medio Evo veniva utilizzata per curare ustioni, ulcere, infiammazioni oculari, nasali e morsi di cane. Kneipp la utilizzò per fermare le emorragie e curare le ferite. Tra gli specialisti in campo medico ed erboristico non si può non citare Maria Treben, ben conosciuta in Austria e Germania per aver guarito moltissimi malati, esclusivamente con l’uso di piante officinali e rimedi naturali. Nel suo libro La salute dalla farmacia del Signore tra le varie erbe cita anche la piantaggine, che tiene in altissima considerazione per la cura delle malattie che colpiscono le vie respiratorie, come cicatrizzante, per aiutare i bambini malaticci e sempre magri e per moltissimi altri disturbi.



Per cosa è utile?
Per la ricchezza di nutrienti e principi attivi, le foglie di piantaggine possono essere impiegate contro parecchi disturbi. Vediamo quali:
- Tosse, raffreddore, sinusiti, catarro, bronchiti, ecc… La piantaggine ha spiccate proprietà espettoranti. Ciò vuol dire che promuove la rimozione di muco dalla trachea e dai bronchi, liberando le vie aeree e migliorando il benessere del paziente affetto da catarro bronchiale, bronchite cronica, tosse, sinusite, raffreddore, o da altre affezioni catarrali.
- Ferite, lesioni, punture d’insetto e morsi di animali. Le foglie di piantaggine, per la loro azione antinfiammatoria ed antimicrobica vengono efficacemente utilizzate esternamente, sulla cute, per curare ferite, punture d’insetto e morsi di animali. Possono essere applicate localmente tramite bendaggio, tritate dopo un accurato lavaggio in acqua bollita, o frizionate energicamente sulla puntura. Oltre ad alleviare il dolore e ad uccidere i germi, la piantaggine agirà sulla ferita bloccando l’emorraggia e velocizzando la guarigione, proprio grazie alla sua azione cicatrizzante.
- Congiuntiviti, infiammazioni palpebrali ed oculari. Sempre per via delle sue proprietà antinfiammatorie ed antimicrobiche, il succo ottenuto dalla triturazione delle foglie, oppure l’infuso delle foglie fresche, sono molto utili per le patologie degli occhi, come congiuntiviti, infiammazioni palpebrali e oculari anche di natura allergica.
- Gengiviti, paradontosi, mal di gola e faringiti. La piantaggine risulta inoltre essere estremamente utile anche per risolvere le infiammazioni della cavità orale e delle prime vie aeree. Le sue proprietà vengono ulteriormente amplificate combinando la piantaggine con le foglie di malva, utilizzandole insieme per la preparazione di una tisana calda, da usare per fare dei risciacqui che avranno la capacità di alleviare le infiammazioni dovute a gengiviti, paradontosi, mal di gola e faringiti.
- Prurito: le foglie hanno anche proprietà antipruriginose e sono quindo molto utili per alleviare tutte le irritazione della pelle accompagnate da prurito, come per esempio le dermatiti allergiche.
- La piantaggine ha inoltre un effetto depurativo, diuretico ed antianemico.


uploaded_image


Come utilizzare la piantaggine.
- Infuso: Far bollire l’acqua nelle quantità di una tazza e versare il liquido su circa 3 grammi di foglie fresche (circa 6 cucchiaini), lasciando poi in infusione per circa 10 minuti. Filtrare bene e bere l’infuso caldo per favorire l’azione espettorante contro il catarro e tutte le affezioni delle vie respiratorie di cui ho già parlato. Oppure si può far freddare e utilizzare l’infuso come un vero e proprio colluttorio, contro le infiammazioni del cavo orale.
- Impacco di foglie. Per uso esterno, in caso di punture d’insetto, ferite e morsi, lavare le foglie fresche di piantaggine e schiacciarle con un mattarello su di un tagliere fino ad ottenere una poltiglia ed applicarla sulla zona interessata.



Controindicazioni.
Se ne sconsiglia il consumo a chi fa uso di farmaci anticoagulanti, o coagulanti, in quanto la piantaggine può interferire nel primo caso e potenziare l’effetto del farmaco nel secondo. Se ingerita in quantità elevata la piantaggine può provocare stitichezza.



Fonte: http://dietagrupposanguigno.it


Pubblicato Venerdi 08 Luglio 2016 - 20:26 (letto 663 volte)
Comment Commenti? Print Stampa Bookmark and Share



Le ultime notizie relative a questo argomento

Read Piantaggine, la salute in cucina. (08/07/2016 - 20:26) letto 663 volte
Read Il tarassaco in cucina e per la salute. (05/07/2016 - 19:06) letto 545 volte
Read Il melograno aiuta la circolazione. (04/07/2016 - 10:15) letto 475 volte
Read Le stoviglie di rame per la salute. (02/07/2016 - 13:06) letto 519 volte
Read La medicina Ayurvedica. (02/07/2016 - 11:38) letto 589 volte
Read Le proprietà salutari del timo. (09/04/2016 - 12:56) letto 616 volte
Read Il giaco come sostituto della carne. (10/02/2016 - 14:26) letto 462 volte
Read Gli antidolorifici naturali. (05/01/2016 - 10:03) letto 646 volte
Read Neumivakin: 50 anni senza ammalarsi. (05/01/2016 - 09:59) letto 584 volte
Read Agrumi: conservarli e consumarli. (06/09/2015 - 11:05) letto 741 volte
Read Bevanda salutare alla curcuma. (06/09/2015 - 11:00) letto 912 volte
Read Le carote e la salute. (04/09/2015 - 09:22) letto 986 volte
Read Quando i limoni salvano la vita. (04/09/2015 - 09:17) letto 809 volte
Read Come produrre acqua alcalina. (04/09/2015 - 09:13) letto 709 volte
Read Gli anacardi per la salute. (02/09/2015 - 10:48) letto 675 volte
Read Cibi con zinco contro la prostata. (02/09/2015 - 10:45) letto 721 volte
Read I cavoli aiutano contro l'ulcera. (02/09/2015 - 10:41) letto 753 volte
Read Il lupino per la salute ed i vegetariani. (01/09/2015 - 09:56) letto 715 volte
Read Cumino normale: benefici e problemi. (31/08/2015 - 09:13) letto 803 volte

Tutte le notizie relative a questo argomento
Cibo_genuino.png
 
Riferimenti


 
Sondaggio

Cosa apprezzi maggiormente dalla Gabry?








Voti: 82 | Commenti: 0
 
Segnalazioni


 
Login






Lingua del sito:
deutsch english español français italiano português
 
Utenti

Persone on-line:
admins 0 amministratori
users 0 utenti
guests 1 ospiti
 
Calendario

Data: 23/07/2017
Ora: 10:47
« Luglio 2017 »
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31
 
Lettura


Selezionate un testo dentro il sito e premete il tasto sotto per ascoltarlo in lingua italiana.


Freely inspired to Mollio template